Crea sito

La Follia dell’Austerità Europea

Tanto per autocompiacimento. Solo pochi giorni fa, la saggezza convenzionale diceva che in Europa finalmente le cose sono sotto controllo. La Banca centrale europea, con la promessa di acquistare le obbligazioni dei governi in difficoltà, se necessario, aveva calmato i mercati. Tutto ciò che le nazioni debitrici dovevano fare, prosegue il racconto, era di accettare ancora più austerità – condizione per i prestiti della banca centrale – e tutto sarebbe andato bene.

Ma i fornitori di saggezza convenzionale hanno dimenticato che sono state coinvolte le persone. Improvvisamente, Spagna e Grecia sono scosse da scioperi e manifestazioni enormi. Il pubblico in questi paesi va, in effetti, dicendo che ha raggiunto il suo limite: Con una disoccupazione a livelli della Grande Depressione e con i lavoratori un tempo della classe media ridotti a razzolare tra i rifiuti in cerca di cibo, l’austerità è già andata troppo oltre. E questo significa che potrebbe non essere un affare, in fin dei conti.

Molti commenti suggeriscono che i cittadini di Spagna e Grecia stanno solo ritardando l’inevitabile, protestando contro sacrifici che devono, in effetti, essere fatti. Ma la verità è che i manifestanti hanno ragione. Più austerità non è di alcuna utilità, i giocatori veramente irrazionali qui sono i presunti seri politici e funzionari che chiedono ancora più sofferenze.

Consideriamo i guai della Spagna. Qual è il vero problema economico? In sostanza, la Spagna soffre i postumi di una bolla immobiliare enorme, che ha causato sia un boom economico che un periodo di inflazione, che ha lasciato l’industria spagnola non competitiva con il resto d’Europa. Quando la bolla è scoppiata, la Spagna è stata lasciata con il difficile problema della competitività da recuperare, un processo doloroso che richiederà anni. A meno che la Spagna lasci l’euro – un passo che nessuno vuole intraprendere – è condannata ad anni di disoccupazione.

Ma questa sofferenza forse inevitabile è notevolmente amplificata da severi tagli alla spesa, e questi tagli alla spesa sono un caso di inflizione di dolore per il gusto di infliggere dolore.

Prima di tutto, la Spagna non è finita nei guai perché il suo governo era dissoluto. Al contrario, alla vigilia della crisi, la Spagna in realtà aveva un avanzo di bilancio e un basso debito. Il deficit di grandi dimensioni è emerso quando l’economia è stata colpita, e con essa le entrate, ma, anche così, la Spagna non sembra avere tutto questo elevato peso del debito.

E’ vero che la Spagna sta avendo problemi d’indebitamento per finanziare i suoi deficit. Questo problema è, però, soprattutto a causa dei timori per le difficoltà più generali della nazione – non ultimo il timore di disordini politici a fronte di una disoccupazione molto elevata. E il taglio di alcuni punti di deficit di bilancio non risolverà questi timori. In realtà, una ricerca da parte del Fondo Monetario Internazionale suggerisce che i tagli alla spesa nelle economie profondamente depresse possono effettivamente ridurre la fiducia degli investitori, perché accelerano il ritmo del declino economico.

In altre parole, l’economia corretta della situazione suggerisce che la Spagna non ha bisogno di più austerità. Non dovrebbe festeggiare, e, di fatto, probabilmente non ha alcuna alternativa (a meno di uscita dall’euro) ad un lungo periodo di tempi difficili. Ma i tagli selvaggi ai servizi pubblici essenziali, per l’aiuto ai bisognosi, e così via, in realtà danneggiano le prospettive del paese per la riuscita dell’aggiustamento.

Perché, allora, ci sono richieste per ancora più sofferenza?

Parte della spiegazione è che in Europa, come in America, troppe Persone Molto Serie sono state prese dal culto dell’austerità, dalla convinzione che i deficit di bilancio, e non la disoccupazione di massa, sono il pericolo chiaro e presente, e che la riduzione del disavanzo potrà in qualche modo risolvere un problema causato dall’eccesso del settore privato.

Oltre a ciò, una parte significativa dell’opinione pubblica in centro Europa – soprattutto in Germania – è profondamente persuasa di una visione falsa della situazione. Parla con funzionari tedeschi e interpreterà la crisi dell’euro come un gioco di moralità, una storia di paesi che hanno vissuto al di sopra delle loro possibilità ed ora devono affrontare l’inevitabile resa dei conti. Non importa il fatto che questo non è affatto quello che è successo – e il fatto altrettanto scomodo che le banche tedesche hanno giocato un ruolo importante nel gonfiare la bolla immobiliare in Spagna. Il peccato e le sue conseguenze è la loro storia, e ad essa devono attenersi.

Peggio ancora, questo è anche ciò che molti elettori tedeschi credono, in gran parte perché è quello che i politici hanno detto loro. E la paura di una reazione degli elettori che credono, a torto, che stanno per essere appesi al gancio per le conseguenze dell’irresponsabilità sud europea, rende i politici tedeschi restii ad approvare prestiti di emergenza essenziali per la Spagna e gli altri paesi in difficoltà, a meno che i debitori non vengano prima puniti.

Naturalmente, non è questo il modo in cui sono dipinte queste esigenze. Ma questo è ciò in cui veramente vengono ridotte. E lungo tempo è passato per porre fine a questa crudele assurdità.

Se la Germania vuole davvero salvare l’euro, deve lasciare che la Banca centrale europea, faccia ciò che è necessario per salvare i paesi debitori – e dovrebbe farlo senza chiedere più sofferenza inutile.

Paul Krugman © New York Times del 27 settembre 2012

(Traduzione di Bruno Genovese)

[This post has already been read 927 times]