Crea sito

Displaying posts published in

luglio 2012

Quousque tandem abutere, Mario, patientia nostra?

La situazione peggiora. Peggiorano tutti i nostri indicatori, dal numero di poveri – che ha superato gli 8 milioni – al tasso di disoccupazione giovanile; dalle ore di cassaintegrazione, alla riduzione dei consumi e della produzione; dall’aumento del debito pubblico e del suo spread, alla riduzione delle compravendite immobiliari. Peggioriamo nel solco tracciato dalla Grecia […]

Sofferenza inutile in Spagna

Non è divertente essere primo ministro di una nazione debitrice, senza una propria moneta. A differenza degli USA o del Regno Unito, la Spagna non ha scelte facili. Detto questo, le nuove misure di austerità appena annunciate non hanno alcun senso. Rajoy ha annunciato 65 miliardi di euro di aumenti fiscali e tagli alle spese, ciò […]

Il troppo stroppia

In un mio precedente post ho accennato ai limiti della crescita economica, che non può essere infinita, considerati i limiti del pianeta. Tuttavia il nostro modello di sviluppo è basato proprio sulla crescita continua, a partire ovviamente dalla produzione e consumo di beni e servizi, misurati attraverso il PIL. L’interruzione della crescita, o addirittura una  […]